Se vali fatti valere. #sevalifattivalere

Se vali fatti valereDopo un mese in cui per completare un progetto, ho lavorato praticamente “gratis”  vorrei analizzare  gli errori che mi hanno portato a lavorare in maniera frustrante non pagata ne appagante. Gli informatici amano il loro lavoro questa è una premessa doverosa. Questo amore li porta a non considerare gli effetti dei cattivi progetti sulla loro salute.

Il flusso classico di un progetto software fatto da un professionista è il seguente :

  •  richiesta preventivo
  •  scrittura del preventivo
  •  accettazione preventivo
  •  Lavoro!
  •  Verifica del lavoro
  •  pagamento del lavoro

Ora il pagamento avviene di solito a step (dipende dal progetto).  Questo quando hai un cliente diretto. La parte Lavoro! e Verifica lavoro può essere ciclica.Nel corso del lavoro  possono infatti emergere delle nuove esigenze da considerare, delle funzionalità da aggiungere. Può capitare e insieme al cliente si integra il contratto.

La parte fondamentale è quella della redazione del preventivo perchè di fatto è la traccia del progetto. Chiedete sempre prima il budget. Se il budget non c’è o non lo si ritiene sufficiente, arrivederci e grazie.  Ad esempio mi sono capitate delle richieste per lo sviluppo di applicazioni Android con dei budget non sufficienti. (se vedete “app a partire da 500 euro” bè preoccupatevi perchè con 500 euro non si fa un app nemmeno si può pensare un app). Di più ci sono molti che chiedono preventivi a 10 programmatori poi fanno il gioco al ribasso (comportamento del tutto lecito). Non sono clienti per voi non abbiate paura: abbandonateli. Trovare i giusti clienti, lavorare con soddisfazione, non aver paura di rimanere senza lavoro queste sono le linee chiave che cercherò di adottare d’ora in poi. I clienti giusti sono la premessa fondamentale per un flusso di lavoro costante e appagante.

Altra cosa molto importante. Se le specifiche non sono chiare è necessario mettere nel preventivo solo quello che si farà. Il resto … lo capiremo più avanti. Se fate dei lavori ripetitivi come ad esempio la realizzazione di un ecommerce Magento (cosa che faccio spesso) preparate una sorta di “preventivo standard”. Chiarite bene quello che farete. Se il sito deve essere responsive chiaritelo subito, se ci sono parti non standard chiaritele subito. Chiarezza, con questa tutti saranno più soddisfatti.

Bene qualche appunto finale per il futuro:

  • Se c’è un progetto grafico farsi fornire la grafica (un programmatore non è un grafico e anche se si affida ad un grafico di professione per alcuni progetti è necessario uno studio grafico di un’agenzia. Pagare molto appaga l’occhio).
  • Preventivare tutto. Quello che non è preventivato non si fa. No non si fa. Nessuno è in pericolo.
  • Tagliare i clienti che non riconoscono il tuo lavoro. Toglierli anche dalla rubrica telefonica se necessario. Quando avranno il progetto x ma da dover fare in due giorni a due euro “tuuuu”, “tuuuuuu il cliente da lei chiamato non è più raggiunbile. Lei è stato messo in una black list senza ritorno.” Come fa google con adsense per capirci.
  • Appena senti la parola “ma dai cosa ci vuole?” scappa subito.
  • Non aver paura di rimanere senza lavoro. Se vali fatti valere.

Ecco “se vali fatti valere”. O come dice Renzi, #sevalifattivalere.

 

Lascia un commento